Restauro Fontana del Bernini
  • Home
  • Il degrado attuale e le cause

Il degrado attuale e le cause

Le fontane vengono alimentate da acquedotti di antica o recente costruzione e costituiscono, fin dall’antichità, fonte di ristoro ed approvvigionamento idrico. Per assolvere questo importante scopo sociale, culturale ed artistico, si trovano in punti di strategici delle città nelle tipologie più svariate, da forme estremamente semplici ad elaborati monumenti di notevole valore artistico.

Per progettare un intervento di manutenzione e restauro di una fontana è necessario approfondire l’analisi del sistema ambientale analizzando le condizioni esterne legate al luogo, allo spazio, al clima, ai fattori chimico-fisici che interessano la fontana in argomento, al degrado di tipo antropico, ma anche analizzare la parte idraulica e funzionale costituita dalle tubature, dagli ugelli, dalla vasca e dagli scarichi.

La costante presenza di acqua in svariate forme (aerosol, schizzo, ristagno, ruscellamento) e la sua ubicazione in un centro storico che, in quanto tale, è soggetto ad un notevole tasso di inquinamento, innesca fenomeni di alterazioni e degradi tipici di un monumento storico collocato in un centro urbano, con l’aggravante di particolari condizioni microclimatiche e di alternanza dei cicli caldo-freddo. Il gelo, in particolare, determina un aumento di volume dell’acqua infiltrata nel materiale, con l’effetto di causare fratture e distacchi di porzioni del materiale lapideo.

Lo stato di conservazione dei materiali impiegati per la realizzazione della fontana di Castel Gandolfo, infatti, desta preoccupazione a causa delle perdite di materiale originale, e delle croste che, con un possibile distacco, possono esporre all’attacco di agenti atmosferici nuove porzioni di materiale originale.

Osservando nel dettaglio si possono elencare numerose forme di degrado quali, alterazioni cromatiche chimiche e biologiche, patine biologiche, presenza di vegetazione, distacchi, fratture, scagliature, mancanze, incrostazioni, concrezioni, croste, disgregazione, alveolizzazioni.

Di tali alterazioni si dovranno individuare in maniera completa ed analitica le cause, per poter intervenire in maniera efficace e duratura, con metodi e materiali idonei.

Da una prima analisi, che dovrà essere approfondita con ricerche storiche, si notano alcune incongruenze formali, che riguardano le parti idrauliche di adduzione e deflusso delle acque.