Restauro Fontana del Bernini
  • Home
  • Aspetti Economici

Aspetti Economici

Il progetto di restauro della fontana berniniana prevede delle fasi di raccolta fondi per la sua realizzazione e un costante impegno per la successiva manutenzione della stessa. Questi due elementi sono alla base degli interventi in questo specifico aspetto del progetto, il quale, per motivi di carattere storico-sociologico ed economico ovviamente, si nutre delle competenze di tutti gli attori chiamati a partecipare, istituzioni, tecnici, scuole, ognuno con il proprio contributo affinché quest’opera di restauro diventi un esempio eccellente di management italiano nella conservazione del patrimonio di cui disponiamo.

Valorizzazione Economica del territorioDott.ssa Paola Paniccia

Guarda il video » Forum 29/10/2014

Scarica la trascrizione:

Valorizzazione Economica del territorio – Dott.ssa Paola Paniccia

Download .pdf

Abstract

La Dott.ssa Paola Paniccia è intervenuta nel corso del Forum con una relazione dal titolo “Sinergie di management per la valorizzazione economica del territorio”, con la quale ha inteso mettere  in risalto sia lo spirito imprenditoriale che da sempre contraddistingue il nostro paese sia le sinergie di cui si necessita per lavorare insieme su un progetto così particolarmente coinvolgente come il restauro della fontana del Bernini.
Altri aspetti fondamentali dell’intervento sono stati l’importanza delle innovazioni tecnologiche che andrebbero sfruttate nel corso del restauro nonché la fattibilità degli aspetti tecnici, la fattibilità economico finanziaria e la fattibilità organizzativa e mercatistica che stanno alla base del basic del management.

La fontana come patrimonio socio-culturaleOn. Renato Brunetta

Guarda il video » Forum 29/10/2014

Scarica la trascrizione:

La fontana come patrimonio socio-culturale – On. Renato Brunetta

Download .pdf

Abstract

L’On. Renato Brunetta è intervenuto a favore del progetto di restauro della fontana del Bernini proponendo non solo un coinvolgimento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali in qualità di finanziatore dell’opera ma auspica un investimento nella educazione alla cultura nel nostro paese che si basa sul rispetto e la manutenzione dei beni architettonici di cui disponiamo sull’intero territorio nazionale e di cui il suddetto restauro può rappresentare un illustre esempio, anche e soprattutto di investimento in beni relazionali che producono redditi, esperienze e professionalità.